BRASIL 2014

 Destinazione libri e i Mondiali di calcio 2014. 

brasil 2014Un evento importante, dove anche le  persone che non  si interessano al  calcio si mettono davanti alla tv.

Un momento anche di aggregazione, molti locali organizzano serate per vedere tutti insieme la Nostra Nazionale  e quando  è tutta schierata prima del fischio d’inizio e canta l’inno nazionale… fa battere un po’ il cuore..

Ovvio, un evento del genere lascia anche posto alle  polemiche, idee, pensieri ae moralismi  qualche volta troppo accentuati si leggono nei giornali e ancor di più nei social network.. ma una cosa è certa, un pallone riesce a mantenere un forte entusiasmo..

Brasile… 12 giungo 2014 –  finale il  13 Luglio 2014.

 

L’idea del Campionato mondiale di calcio nacque nel 1928, quando il presidente della FIFAJules Rimet, decise di istituire un torneo per squadre nazionali. La prima competizione di questo tipo ebbe luogo nel 1930 e consistette in un torneo avente solo la fase finale alla quale presero parte le 13 nazioni che accettarono l’invito. La competizione si è successivamente evoluta fino a pallone 2014comprendere circa 200 squadre nazionali affiliate alla FIFA che si sfidano in un lungo torneo di qualificazione che si tiene nei tre anni precedenti alla fase finale.

 

Seguite con Deejayfoxradio  lo special MONDIALI. Sintonizzatevi su   http://www.deejayfoxradio.com, con OSCAR e LORENZO.

Tutti i martedi alle 15.30 e tutti i giovedi alle 20.30

 

 

Sul calcio possiamo sbizzarrirci con tanti tanti libri, qualcuno anche molto divertente, a voi la scelta…ve ne propongo qualcuno…

 

 

febbre 90I molti appassionati del calcio possono ritrovare in questo racconto una parte della loro stessa vita.
La sorpresa. È questa la sensazione dominante in chi legge anche poche pagine del libro. Sembrerebbe impossibile che un libro sul calcio riesca a contenere una gamma così ampia di temi e personaggi, a sprigionare una tale carica di emozione ed umorismo. Raccontando la sua storia di tifoso, Nick Hornby ci descrive i multiformi aspetti di un’ossessione: le abitudini, i riti, i tic di un assiduo frequentatore di stadi.

 

 

 

 

 

 

 

la partita di cesarareLanguage: italian. A Cesare Prandelli è affidato il compito arduo di ricostruire quasi da zero un ambiente umiliato e sepolto dalle macerie. Dopo una eliminazione senza vittorie dal Mondiale sudafricano, in un girone tra i più facili che si potessero sperare, il destino ha voluto che quella Nazionale che l’uomo di Orzinuovi andrà ad allenare abbia toccato il suo punto più basso. Ma se la vera vittoria di Cesare a Firenze è stata aiutare una città e la sua squadra a cambiare mentalità, rimettendosi con i piedi in terra e imparando a fare i conti con la realtà, a sognare, certo, ma senza farsi prendere dall’ansia del risultato, forse Prandelli è l’uomo giusto al posto giusto. Un capitano coraggioso e dai modi garbati – mai una parola sopra le righe, mai uno scatto di nervosismo o di frustrazione – un uomo serio, una persona per bene; che sia anche un tecnico tra i migliori in circolazione, non solo in Italia, è quasi un dettaglio. Aver scelto lui significa aver dato un nuovo senso alla Nazionale azzurra. A suo modo un saggio, dotato di intelligenza e di equilibrio. Un uomo, appunto, prima che un allenatore. Codice inventario libreria 17821723

 

 

Ora bisognerebbe dire una frase tipo: ” Buon mondiali a tutti”, ma preferisco essere schietta… quindi…FORZA AZZURRI!  😉

Alessandra

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...