La sua mano sulla testa

la sua manoNel libro “La sua mano sulla testa” c’è un viaggio nella memoria, un viaggio fisico attraverso i luoghi della sua infanzia. I luoghi dei giochi dell’estate, delle grandi tavolate ridenti delle estate romagnole. I ricordi del podere, delle vicine colline, del maneggio, delle amiche, degli zii, dei ragazzi più grandi così inaccessibili. Ma soprattutto del fratello maggiore, della mamma e del babbo,  importanti figure di riferimento nella crescita della piccola Elisa, così la lunga passeggiata vent’anni dopo è il pretesto per ricordare, una necessità interiore da sciogliere, un’occasione per conoscere meglio la propria storia e con essa se stessa. Emerge uno spaccato della vita degli anni ’80 vista dagli occhi innocenti di una bambina dell’Italia del tempo, condito dei ruoli ricoperti dal babbo, vero protagonista di tutta la storia: già sindaco e importante punto di riferimento istituzionale e umano del piccolo paese di Bagnacavallo, il suo ricordo arriva fino ai tempi della guerra, quando Mario combattè eroicamente per liberare il proprio paese dalle ultime vendette naziste. Impedendo il bombardamento si guadagnerà la medaglia al merito e il ricordo imperituro tra la sua gente.

In questo libro Elisa vuole fare un viaggio nel passato, sente la necessità di fare qualche cosa per riallacciare quel  filo  spezzato con il papà perso troppo presto.

Una storia in cui è facile immedesimarsi, una famiglia, un fratello, una figlia che vede il papà il principe azzurro, quella persona dove rifugiarsi sempre e per ogni cosa.

L’immagine del papà che la prende in braccio  è sicuramente una immagine comune a tutti eppure sempre di grande effetto dentro di noi, quella immagine che riesce sempre a toccare le corde giuste..

Un omaggio anche  alla sua vita di Primo cittadino del suo Paese.

Decide di scrivere in terza persona l’autrice, e questo rende il romanzo un po’ distaccato, non si ha la percezione di “essere dentro il libro” ma si è in grado di valutare ogni parte della storia con lucidità .

In copertina loro due, i protagonisti, per sugellare il loro essere. Padre e figlia.

Un libro da leggere, per ricordare dei valori importanti.

Alessandra

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: