Vodka & Inferno, la morte fidanzata

VODKA

 

 

LA SINOSSI

Questa è una storia che va raccontata a bassa voce, sull’epidermide del mondo. Una strana, sanguinosa famiglia. Venezia di echi dissonanti, poi la Russia di forti abbracci. Un alchemico mistero, della vodka che da incolore e innocua diventa rosso-sangue, un maniero che ha occhi per vedere, danze di balalaike, fischi cosacchi. Qualcosa di macabro, gotico, grottesco, tenero e perverso che sappia di morte, di dolore e orrore, ma anche di dolce, amaro amore. E infine una sola, piccola, insignificante domanda: può un vivo innamorarsi di un morto?

 

LA NOSTRA RECENSIONE

Amore e Morte da sempre coesistono  in un rapporto misterioso di fratellanza e unione.

Un’unione divisa solo da due lettere: l’origine e la fine della vita, che camminano accanto, tenendosi per mano: questo concetto è il cuore di La Morte Fidanzata, romanzo gothic horror che segna il primo capitolo di quella che preannuncia già essere una lunga saga:  Vodka&Inferno, di Penelope Delle Colonne  edito  da Milena Edizioni.

 

Penelope, dalla personalità molto interessante nel panorama letterario attuale,  esordisce con quest’opera, ma la giovane autrice non ha proprio nulla dell’esordiente: la sua scrittura  infatti, è raffinata ed estremamente ricercata, un libro ricco, da ogni punto di vista, sia per la  trama sia per lo  stile.

 

Una storia apparentemente impossibile o, quantomeno, facilmente contrastata e contrastabile,  per una serie di ragioni:

– perchè Frattaglia e Viktor sono due persone dello stesso sesso,

– perchè appartengono a due classi sociali tra loro lontanissime (Frattaglia è “sporca” plebe, un rifiuto della società, mentre Viktor è un nobile, ma pur sempre un nobile, anche se decaduto),

– perchè Frattaglia è vivo e Viktor è un uomo morto, che tornerà in vita come per incanto, nelle fattezze di vampiro.

 

Da questo momento  sarà tutto un turbinare di eventi e di peripezie, che si estrinsecheranno in una coinvolgente lettura.

530 pagine  dalle quali non è facile staccarsi, fin dall’inizio si viene catturati e risucchiati in una dimensione onirica che somiglia tanto alla nostra vita reale, con i suoi dubbi e le sue contraddizioni.

Sullo sfondo di questa storia ci sono  una Venezia tetra e surreale ed una Russia inquieta, nella rappresentazione della città di Soroka, in un romanticismo noir di altri tempi e senza tempo.

 

Insomma, un libro che ha tutti gli ingredienti per affermarsi.

 

Buona lettura

 

Destinazione Libri

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “Vodka & Inferno, la morte fidanzata

Add yours

  1. Bellissima recensione, penso tu abbia colto perfettamente l’animo di Penelope e dei suoi figli di carta, ho adorato questo libro e non vedo l’ora di leggere il prossimo. Hai ragione a dire che ti tiene incollato **

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: